La Giustizia è cieca, sorda e… Imparziale

giustizia-bilanciaStamani, come di consuetudine, appena alzato, mi son sorseggiato il mio caffè, e mi sono seduto sul divano, ho acceso una sigaretta, ed ho atteso l’innesco dei neuroni cerebrali.
Mi sono apparse davanti agli occhi due immagini, due donne bendate, una riconoscibilissima, con una cornucopia tra le braccia, e l’altra sorreggeva una bilancia.
Sul momento non mi era chiara l’identità della seconda, di bendata ne conoscevo una, la prima, ma la seconda?
Una pescivendola di Mergellina? O altra bottegaia ricordo latente di infanzia, o forse un personaggio Felliniano? No, Fellini no, non aveva le puppe extra large.
Ah! La Giustizia, ma prima di convincermi e poi diffondere sciocchezze, controllo su google immagini.
Confermato, la seconda bendata è la Giustizia, ma la domanda è, perché bendata?
Non dovrebbe a logica essere ben attenta e distinguere ad occhio vispo, sveglio, intelligente ed allenato l’inquisito?
Fammi pensare.
Ho pensato.
La Giustizia è bendata in quanto non deve essere “ giusta” ma applicare le leggi senza eventuali influenze esterne.
Esempio attualissimo, convocazione in Tribunale per un evento di routine, citazione a giudizio per un debituccio non pagato.
OK.
Assistito/a o meno da un legale, ( personalmente suggerisco…meno ) prepari, o preparate una memoria difensiva, e per assurdo voglio prospettare un caso sicuramente esistente, ma da definire.
Più unico che raro.
Percepisci 1.000, 00 euro di stipendio, hai 4 figli di cui due appena maggiorenni, che han finito gli studi, e stanno a spasso, e dove altrimenti, i rimanenti due in età scolare con le spese annesse e connesse all’istruzione.
Due genitori nulla tenenti a carico che vivono con te, dei quali uno non percepisce nemmeno la pensione minima,e l’altro, ammalato da anni di malattia cronica richiede spese mediche che già di soli ticket per farmaci supera la pensione del coniuge, su sedia rotelle, in attesa della 3^ revisione per una richiesta di pensione di invalidità e di una 4^ richiesta di sussidio di accompagnamento, e non si può sperare, sul fatto che finchè c’è vita c’è speranza in quanto,guarda caso, a mio suocero, tra corsi e ricorsi l’han concessa dopo 4 anni, peccato che era passato a miglior vita da uno.
Vivete in 8 in un bilocale umido e fatiscente, pagando l’affitto come in un residence a tre stelle.
La mattina, alla chiusura del mercato rionale, andate a raccattare tra le cassette lasciate in giro, un mazzo di lattuga al 50% recuperabile, due patate chissà come cadute da una cassetta, una testa d’aglio per metà schiacciata da un pneumatico di un’Ape Piaggio, più in la addirittura un bel limone, grande, sodo, maturo al punto giusto, e fortuna delle fortune, grazie alla prima signora bendata, un bel pescetto di circa 100/150 gr appena appena annusato da un gatto che sta a pensarci. Su.
E anche oggi si apparecchia tavola.
Questo è un esempio, ma poniamo un caso meno complicato,realistico e semplice.
Guadagnate sempre intorno ai 1.000/1.200 euro mese e siete solo in due in famiglia,moglie e marito, siete sfrattati e vivete in auto.
Sfrattati perché non vivete in uno sperduto paesino, ma in una città sede di Università, dove con 500 euro mensili, ovviamente in nero, potete avere una camera ovviamente in condivisione con altro studente.
E con gli esempi, mi fermo qui, anzi, riprendo dall’inizio.
In Tribunale il Giudice bendato legge la vostra busta paga.
1. 1000,00 mese
2. nessun pignoramento presente
3. nessuna cessione volontaria, non determinante ma leggermente influente
Pertanto si sentenzia che 1.000 diviso 5 fa 200 ( euro ) da trattenere mensilmente al lavoratore da destinare a ( esempio ) a Banca IFIS sino a soddisfacimento del credito vantato, indipendentemente dal fatto che lo han pagato 2 lire (dal 3 al 4% del valore nominale.
Giustizia e equità sociale sono andate in quattro e quattro otto, a farsi fottere, e non sono state le uniche.

Leggi la discussione originale

Condividi...Share on FacebookTweet about this on Twitter