I meno abbienti devono morire

In questo filmato Montesano fa riferimento al governo Monti, è evidente che è anche il periodo di questa intervista.
A distanza di tempo si può affermare che è stato lungimirante e profetico, e temo per le previsioni future che solo chi non vuole vedere o non ha interesse a farlo dichiara scetticismo-
Oggi con personale considerazione aggiungo che chi è stato fatto cadere tra la classe meno abbiente della popolazione, è vittima di un piano congegnato. Non si hanno adeguate disponibilità per far fronte agli eventi quotidiani, il ” Buon Governo ” ci ha lasciato il libero arbitrio su come morire e sollevare il Paese, o di fame, o di malattia. Le due cose sono purtroppo come il cane e la sua coda.
Se non mangi ( assunzione quotidiana di giusta dose di proteine e vitamine, non certo pasti luculliani)… Ti ammali, e ti chiedono sino a 150,00 euro di ticket per un’analisi completa del sangue che è la primaria indagine, alla quale ne devono seguire ulteriori per approfondimenti. Uno stipendio da operaio in ticket, che se ti va bene,solo per diagnosticarti carenze vitaminiche e proteiniche che non puoi certo assumere in ” Caramelle ” come sostituti dei pasti.

Tra l’altro ritengo totalmente sbagliata la classe di contributo come ticket che prevede lo stesso trattamento da chi percepisce  9.000,00 come chi ne percepisce 36.000,00 euro di reddito annuo.

E non mi sembra equità sociale, quindi? INGIUSTIZIA

Condividi...Share on FacebookTweet about this on Twitter